Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Donne difficili

Sono le donne difficili quelle che hanno più amore da dare, ma non lo danno a chiunque. Quelle che parlano quando hanno qualcosa da dire. Quelle che hanno imparato a proteggersi e a proteggere. Quelle che non si accontentano più. Sono le donne difficili, quelle che sanno distinguere i sorrisi della gente, quelli buoni da quelli no. Quelle che ti studiano bene, prima di aprirti il cuore. Quelle che… non si stancano mai di cercare qualcuno che valga la pena. Quelle che vale la pena. Sono le donne difficili, quelle che sanno sentire il dolore degli altri. Quelle con l’anima vicina alla pelle. Quelle che vedono con mille occhi nascosti. Quelle che sognano a colori. Sono le donne difficili che sanno riconoscersi tra loro. Sono quelle che, quando la vita non ha alcun sapore, danno sapore alla vita.

Oggi la mia cognatina ha pubblicato questo post su fb. Trovo queste parole bellissime. Per questo ho deciso di pubblicarlo così com’è, senza commenti. Perchè non ha bisogno di commenti (non dei miei quanto meno)…e non chiedetemi perchè ho messo la foto di Anna Magnani (l’ho sempre adorata)
Annunci

Commenti su: "Donne difficili" (15)

  1. Clap Clap Clap

  2. @sys: ho come la strana sensazione che questo applauso rubato all’onomatopea di walt disney stia lì a prendermi per i bassifondi…ricorda che sono la sorella MAGGIORE, pretendo rispetto!!!

    • assolutamente no.
      il mio era un modo di commentare tutto il mio … come dire… approvare, senza commentare che come dici tu che sei la MAGGIORE, non ce n è di bisogno.
      è una frase bellissima che sposa meravigliosamente bene l immagine.

  3. Parole splendide e vere…

  4. @E. un po’ come quelle che scrivi tu. per questo ho deciso di premiare il tuo blog 😉

  5. @sys: ho sempre adorato anna magnani, fin da bambina…

  6. karina890 ha detto:

    Una donna che ha imparato a dribblare gli ostacoli. Anna Magnani era proprio questo; una donna che sarebbe stato bello invitare a cena! ^^

  7. @karina: benvenuta! Lei era speciale, in ogni cosa. I suoi occhi, la sua voce, la sua gestualità, la sua ironia. era unica. ricordo che, da bambina, non perdevo nessuno dei suoi film e anche se forse ero troppo piccola per capirli al meglio, mi lasciavano dentro una voglia spasmodica di gridare, di unirmi al suo dolore di donna. perchè lei, prima di essere una grande attrice, è stata una grande donna…

    • karina890 ha detto:

      È bello quando un artistante riesce a for sentire quello che prova…^^ è vero Anna Magnani comunica grinta, dolore e ti rende partecipe di se. È molto mamma poi – io almeno la sento così! 😉

  8. @karina: ha sofferto molto nella sua vita e non ne ha mai fatto mistero. un’antidiva. aveva questo viso molto intenso, a tratti duro, ma quando sorrideva era uno spettacolo…io, in realtà, non l’ho mai sentita come una mamma, piuttosto come un modello di donna da non perdere mai di vista, soprattutto per il suo coraggio e la sua determinazione…

  9. Salve, mi chiamo Mara Bagatella e sono l’autrice de “Le donne difficili”. Questo scritto è stato plagiato e si è diffuso su Internet con il nome di un’altra persona. Quella che hai indicato non è la vera autrice e tu stai inconsapevolmente contribuendo al plagio, perciò ti chiedo di correggere al più presto o eliminare questo post dal tuo blog.
    Ti lascio il link originale in cui la poesia è stata pubblicata la prima volta:
    http://lacasasullezampedigallina.blogspot.it/2010/12/le-donne-difficili.html
    grazie per l’attenzione e per l’aiuto

    • cara mara, sono confusa…ho fatto una ricerca su internet e da più parti attribuiscono questo scritto proprio ad alma gjini…mi puoi spiegare come mai?

      • Perchè Alma Gjini l’ha plagiata, e prima che me ne accorgessi sono passati dei mesi, nel frattempo la poesia è stata pubblicata in moltissimi blog, siti, forum (addirittura sono stati creati dei video) e soprattutto è stata molto diffusa tramite Facebook. Ho dovuto fare un lavoro capillare per avvertire tutti quelli che l’avevano pubblicata, ma come puoi immaginare è una cosa difficilissima. Ho dovuto creare una pagina su FB apposita, scrivere a un sacco di gente e raccontare questa storia sul mio blog.

        La “signora” Gjini mi ha scritto una mail assurda in cui si giustificava dicendo che la poesia le era stata “attribuita a sua insaputa” e lei era “solo” colpevole di non aver smentito la cosa… diciamo che per alcuni mesi si è goduta la popolarità.
        Ti dirò che la maggior parte dei blogger che ho contattato hanno fatto delle ricerche per conto loro e mi hanno creduta. A chi restava incerto ho comunque chiesto di cancellare il post. Finchè rimane anche un solo sito che pubblica a nome della Gjini ci sarà sempre qualcun altro che lo condividerà con quel nome, e il mio lavoro di “rincorsa” sarà infinito… di questo sono ben consapevole.
        Comunque sia, la prova più evidente di quanto ti ho raccontato è che la Gjini stessa si è ben guardata dal mettersi di traverso nella mia opera di recupero. Del resto ha rischiato una denuncia per plagio, e ne è ben consapevole.

      • ok, tolgo il riferimento ad alma gjini…spero vada bene

      • A dire il vero preferirei che mettessi il nome dell’autrice vera 🙂 senza saperlo hai lasciato per mesi il nome di un’imbrogliona in vista sul tuo blog, adesso però sai la verità, non vedo perchè non dovresti scriverlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: