Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Da mane a sera

Oggi a pranzo ho mangiato dei cracker. Auto punizione. Mi mancava la frusta dei flagellanti e il quadro sarebbe stato completo. Ci sono quelle giornate che, per motivi (quasi) sconosciuti, nascono che più storte non si può. Ti svegli col malumore che ti insabbia le papille gustative, ti alzi dal letto e vorresti avere in mano la clava dei Flintstones. Poi, se la caldaia si inceppa, ti esce un’acquettina che sembra tiepidina e tu dici “ma no, adesso andrà alla grande”, entri in doccia e, cretinamente, orienti il getto dell’acqua sui piedi e dici a te stessa “ce la posso fare”, poi vai più su e ti incastri ululando nella prova del 9: “ca*** è congelata, porca di una pupazza porca”. Esci dalla doccia con gli occhi vacui e bestemmiando in gaelico antico. Ti sei insaponata che Beep Beep ti fa un baffo, ti asciughi che poi sei pronta per la desquamazione permanente, esci grufolando dal bagno e abbracci la caffettiera. Tre tazzine di nero bollente, stai un po’ meglio. Apri la finestra…tutto grigio ma non piove. Ma quando esci da casa, viene giù la reincarnazione palermitana delle cascate del Niagara…Ma porca… Vabbè, dicevo dei cracker, ovvero, pranzo luculliano da consumare durante la  permanenza neverending in ufficio. Li scarto e, distrattamente, guardo il primo che masticherò  con scarsa soddisfazione, immaginandolo pane e salame. Qualcosa attira la mia attenzione, lo riguardo più attentamente: con un’arte tutta da fornai addetti alla catena di montaggio, ci trovo scritto sopra: “continua tu”… E la domanda sorge spontanea: “Ma continuo io a fare cosa?” Pronto c’è nessuno? Signori del mulinobianco, mettetela una spiegazione, una piccola legendina sull’incarto così che uno possa impostare mentalmente delle spiegazioni sane. E’ un dispaccio in codice per il Kgb, un messaggio criptico dei mastri  panettieri per dirti che se vuoi altri cracker mo’ so ca*** tuoi perché hanno indetto una settimana di sciopero? Mentre mi arrovello  su questo misterioso graffito di lievito e sale, vengo interrotta da una voce da finta bambina. E’ Porchettina che cerca di scherzare per attirare la mia attenzione, ma mi fa ridere come uno sganassone sulle gengive. E anche se io non dò segni di vita che la riguardino, mi inchioda con una dissertazione sul tempaccio che ci aspetta fino a primavera. Io continuo a ignorarla, facendo gli scongiuri sotto la scrivania, ma lei non molla la presa. Mando un sms…niente. Mi collego a www.affittounkiller.it… nada. La guardo in cagnesco e con i canini che si stanno trasformando in zanne…non succede NULLA…Omioddio, perché proprio a me? Torno a casa e stramazzo sul divano. I neuroni (quei pochi ancora in attività) si accampano per la notte. Finalmente, è finita…

Annunci

Commenti su: "Da mane a sera" (15)

  1. beh, allora… avesse cominciato a piovere prima sarebbe stato più pratico perché ti toglievi il bagnodoccia direttemente sul terrazzo… per la gioia dei vicini di casa.
    ma alla fine… i cracker… s è capito? non è che fosse uno di quei messaggi tipo “libro delle risposte”? tu pensi fortemente ad una domanda e apri una pagina a caso e ti schiaffi lì la risposta? no perché io ci provai una volta: chiudo gli occhi, penso intensamente al mio allora compagno attuale ex, e penso “ma L. prenderà finalmente una decisione?”
    giro con il pollice sulle pagine, le sfoglio ad occhi chiusi, e finalmente zac mi decido ad aprire la pagina e trovo scritto:
    “questo libro ipotizza risposte. non fa miracoli”.

  2. @sys: ho controllato tutte le scritte sulla scatola dei crackers. comprese le postille scritte corpo 1/4 e anche quelle in tedesco antico. niente, mistero fitto…

  3. …sarebbe una giornata da sosta in pasticceria e acquisto di mega vassoio di frittelle con crema e ” chissenefregasiviveunavoltasola” !

  4. Bah… se invece di mangiare “crechers” provassi con una cipollina e un panzerotto? oppure una cartocciata e un iris? Ti assicuro che sopra non c’è scritto nulla.
    Ho controllato, ho controllato bene!

  5. @patty e sys: se proprio devo peccare di gola, dopo il pranzo mollicoso, mi scaglio sulle sfince di san giuseppe che, ricorrenza a parte, nella mia città si trovano sempre. un inno alla gioia e al colesterolo: in sintesi, dolce fritto con una vagonata di crema di ricotta che, al primo morso, ti casca da tutte le parti…

  6. @ferruccio: ok, ok non lo faccio più. ciao ferruccio, credo che ci siamo incontrati da patty. benvenuto!!! adesso però devi darmi delle delucidazioni: la iris la conosco bene anch’io: fritta pure quella (anche se io preferisco la variante al forno) e con una tonnellata di crema di ricotta. il nostro panzerotto,invece, è di pastasfoglia imbottita di ricotta. ma ho qualche difficoltà a riconoscere i pregi della cipollina e della cartocciata…che sono….?

    • No, ma allora siamo messi proprio male… secoli di civilizzazione, lotte di classe per alzare gli standard qualitativi di vita, scolarizzazione di massa… non sono serviti a nulla. Mi sa che è necessario approfondire il tema in un post apposito.
      Si in effetti ci siamo incontrati a casa di Patty.

    • No ma…….siete matti? uno vi legge alle 11 di mattina e sviene .sto nuotando tra i litri e litri di acquolina

  7. @ferruccio: bene, illuminami d’immenso, mio prode!!!!

  8. @patty: vabbè, ho deciso. in mezzo a tutti questi grassi saturi, a pranzo annegherò nella pasta al forno…quella fatta dalla mamma…una forchettata basta per un reggimento che poi la bilancia ha registrato 8 chili e tu nemmeno sei tornata a casa…

  9. Vabbè, insomma, qui c’è gente che mi ruba il lavoro. A proposito di ladri…

  10. @clara: ma quando mai!!!! noi degustiamo, mica pasticciamo! per quello ci sei tu…stai attenta, perchè se continua così, mo’ ci devi invitare tutti a cena…

  11. Uh la pasta al forno…Gola…

  12. @cincia: te ne mando un po’, dai dammi le coordinate… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: