Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Archivio per 5 febbraio 2012

Della fiducia e di altre diavolerie

Fidarmi di qualcuno? Malgrado le esperienze personali, non sempre positive, continuo a farlo. Finché non ci vado a sbattere il muso. Per fortuna non succede con tutte le persone con cui ho a che fare, ma quando succede ci rimango sempre di me***. Non riesco a capire il perché di certe ipocrisie, di atteggiamenti che cambiano soprattutto per cause esterne al rapporto che ho con queste persone. In genere tutto questo succede quando si frappone un terzo elemento. E devo ammettere che, nel caso delle amicizie femminili, si tratta quasi sempre di un uomo. Succede che scopri cose che non avresti mai pensato potessero accadere, relazioni tra persone che, pubblicamente, fingono di detestarsi, ma che fingono veramente male. Succede che a questa persona avevi raccontato molto di te, non lasciando nulla nell’armadio, perché pensavi di poterti fidare. E io mi chiedo perché avevi riposto fiducia in una persona che poi non ha il coraggio delle proprie azioni, che finge spudoratamente, che ti prende per i fondelli e che pensa di farla franca. Succede che scopri scheletri impensabili ma che mai mi sarei sognata di giudicare. Avrei semplicemente ascoltato, magari non avrei approvato ma me lo sarei tenuto per me. Succede che certe persone diventino cibo per topi e tu, magari, avresti pure combattuto per difenderle. Pezzi indifendibili di un puzzle che è sfuggito pure al loro controllo. Il terreno sotto i loro piedi vacilla, cominciano ad annaspare e ti accorgi che hanno scelto la strada della menzogna, malgrado la tua lealtà. Succede che, magari, queste cose io le scopra in ritardo, che mi sia imposta di non vedere perché stentavo a crederlo, ma quando tutto si snoda sotto i miei occhi e la coltre di nebbia si dipana, rimango lì a non capire. Anzi, capisco solo che la persona in questione ha insultato la mia intelligenza, la mia sensibilità e il mio affetto per lei. Succede che comincio a vederla da una prospettiva diversa. Una prospettiva che non le dà scampo. Succede che la cancello, senza pensarci due volte non cercando nemmeno di chiarire. Chiarire poi che cosa? Più chiaro di così…

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: