Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Piccoli orrori

“Ho avuto una giornata terribile”, lo diciamo spessissimo: una lite col capo, l’influenza intestinale, il traffico…

Sono le cose che noi definiamo “terribili”, anche se non succede niente di davvero terribile.
Queste sono le cose per cui preghiamo: un intervento ai denti, una verifica fiscale, una macchia di caffè sui vestiti.

Ma quando accadono le cose veramente terribili, cominciamo a pregare un Dio, in cui non crediamo, di riportare i piccoli orrori… e portarsi via questo.

Sembra buffo adesso, vero? La cucina allagata, l’edera velenosa, la lite che ti fa tremare dalla rabbia…

Avrebbe aiutato vedere cos’altro sarebbe potuto succedere?

Avremmo scoperto che quella era la parte migliore della nostra vita?”

Annunci

Commenti su: "Piccoli orrori" (16)

  1. è una questione di esercizio, a mio avviso.
    io odio lo stile ‘pollyanna’, sia chiaro. però cercare di ricordare cosa di buono abbiamo, aiuta a riequilibrare le cose.
    in realtà io sono per un po’ di umana comprensione: se per me è una tragedia se mi casca il cucchiaino mentre bevo il caffè, permettetemi per quell’attimo di dispiacermi e farne un dramma. l’istante dopo riequilibro il tutto e cerco di farmene una ragione ed andare avanti.
    penso, inoltre, che a volte abbiamo ‘fisiologicamente’ (passami il termine, anche se non è quello corretto) bisogno di piangerci addosso, sentirci incompresi, restare accoccolati a noi stessi nel nostro angolino a piangere e piano piano iniziare ad alzare lo sguardo dai nostri piedi verso il centro della stanza. e poi, piano piano cominciare ad alzarci. magari grazie alla mano protesa di qualcun altro.

    ecco, credo che a volte sia necessario tutto questo, per poter ripartire meglio.
    no?

  2. sì, hai ragione è fisiologico, umano…ma non sempre va bene…non va bene quando hai accanto persone che soffrono sul serio e tu, facendo finta di niente consapevolmente, vai giù con le tue menate e i tuoi auto-flagellamenti inutili…

  3. @patty: sì, me ne sono accorta…ho appena letto il tuo post…sempre in piedi, malgrado tutto… 😉

  4. hai ragione, alle volte si usano parole così, alla cazzo proprio… (ops.. scusa, l ho scritto in francese…). certo le cose vanno contestualizzate, e ci stanno pure i momenti di smarrimento, come dice Sloggata. Però alle volte davvero, si fanno dei drammi per nulla. E la cosa che mi lascia perplessa è che chi è “abituato” a muoversi nelle avversità gli casca una tegola in testa e si dice “ok… veniamone fuori” e parte… chi in realtà tutto sommato è stato baciato dalla fortuna, vive lo spezzarsi di un unghia come un ostacolo insormontabile… questo mi fa venire un ninin il veleno alle volte…

  5. @sys: per non parlare di quelle persone che fanno della lamentela un modus vivendi…quelle che tu dici buongiorno e loro cominciano con il loro tantra infinito…”sto male, non me ne va bene una, mi fa male il callo del piede sinistro, mi fa male la testa da dieci giorni” Allora tu, quasi temendo un’altra valanga di piagnistei: “Mi spiace molto, ma per il mal di testa, giusto per annientare un problema, esistono delle ottime compresse a effetto quasi immediato, perchè non provi?” e loro ti guardano come se avessi proposto di ingoiare un dinosauro col moccolo al naso…E tu pensi: vabbè, allora tu ci provi gusto a stare male…ma rompere meno le balotas al prossimo, no?

    • no vabbè anche tu, ma hai letto le controindicazioni dell oki?
      mi passa il mal di testa e mi viene il mal di fegato. e poi guarda, certe pastiglie ti fanno un acidità di stomaco… lo diceva pure la Ester, (pace all’anima sua) che due cucchiai di olio di fegato di merluzzo ti fa passare ogni disturbo. certo, non quello all alito… ma al limite si può provare sempre con clistere! ah nonno Eustacchio ne faceva minimo tre la settimana, teneva la pippetta di gomma sul comodino per comodità! uno di quelli e gli passava pure il callo.
      eh ma se aveva mal al callo allora significava che veniva a piovere… eh… piove sempre sul bagnato del resto sì sì…

  6. @sloggata: intendiamoci, anch’io certe volte mi faccio delle pippe mentali che non ti dico…e ci rimugino sopra quasi sadicamente…però alla fine, provo nausea per me stessa, mi schiaffeggio metaforicamente e monto la faccia da “non mi chiedete nulla perchè vorrei evitare di rispondervi…lo faccio per voi”

  7. Io da diversi giorni ho una gengivite che mi provoca dolore, sfregamento ai denti, insonnia quindi non sono esattamente nella condizione di chi può dire che il mal di denti è un “piccolo orrore” 😀
    Comunque basta lamentarmi… dicevamo? Ah, sì, che credo che ognuno abbia sacrosanto diritto ai suoi momenti di orrore. A volte ti si apre proprio un baratro dentro per delle cazzate che però, in base a shock precedenti e traumi, possono essere anche macigni. L’importante è non esagerare e non fare due orecchie così al prossimo, soprattutto calcolando la proporzione di tempo utile che si perde lamentandosi… una questione di tempo insomma!

  8. @emerald: già, l’importante è non esagerare…il baratro dentro lo abbiamo tutti…c’è chi vi si può tuffare dentro e chi ci può infilare solo un dito. l’importante è tenere conto del baratro degli altri…

  9. @sys: vabbè, sembri mia zia…l’altra volta, al pranzo di Capodanno, mi ha tenuta inchiodata tre quatri d’ora raccontandomi tutti i particolari truculenti del suo ventesimo intervento. E io ero lì, con un piatto di lasagne che languiva e i conati di vomito che mi arricciavano i capelli…

    • ahahah era proprio una scena simile che avevo in testa… TERRRIBBILEE… (almeno come trovarsi a pranzo di Natale con quelli che ti guardano e ti dicono “ma come? ancora single??? e quand è che ci decidiamo a metter su famiglia???”)
      oddio… c hai mica un malox?

  10. @sys. a quest’ora della sera e con una riunione in corso di quelle terribili (mi sono collegata solo un attimo per non mettermi a urlare) altro che malox, ci vuole la stricnina…ma non per me

  11. Niente, non ce la faccio, lamentarmi è fisiologico. L’unica cosa di cui non mi lamento mai sono i soldi, non perchè ne abbia a bizzeffe ma perchè credo che piangere miseria porti una sfiga pazzesca!

Rispondi a Perennemente Sloggata Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: