Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

Silenzio

Sarà perché oggi mi gira storta e c’ho pure da stagnare in ufficio fino all’imbrunire e già mi viene la mappazza atomica. Sarà perché sta piovendo di nuovo e le oche della villa non smettono un attimo di starnazzare, ‘sti bipedi palmati buoni solo per farci il patè. Sarà perché stanotte ho dormito da schifo e ho fatto sogni assurdi…insomma, oggi mi sento più incarognita del solito. Poi mi collego su fb (ogni tanto controllo cosa scrivono i miei amici, giusto per capire se l’unica sclerata sono io…e no, sono in buona compagnia…) e mi trovo spiaccicata sull’home ‘sta menata indefinita a metà tra il patetico e l’orripilante.

Ovvero: “Il silenzio non significa sempre non aver nulla da dire, a volte è…non sapere da dove cominciare”.

Ma ditemi, dove le trovate, nell’involucro interno dei Baci Perugina? Roba da trascinare le palle cadute per tutto il tracciato della maratona di New York…Mi scuso in partenza con l’amica che ha postato ‘sta cosa, ma la domanda nasce spontanea: “E che vor ddì?” Il silenzio è silenzio…è assenza totale di parole, di fiato che esce dalla gola e si tramuta in labiali, dentali o gutturali. Se poi vogliamo interpretare pure i silenzi…’nnamo bene. Mi sembra di tornare indietro nel tempo, quando al liceo si stava botte di ore con la compagna di banco a menare il can per l’aia con: “Ma secondo te lui mi ha guardata, e se non mi ha guardata perché ho avuto la sensazione di sentirmi i suoi occhi addosso? Ma gli piaccio e quanto gli piaccio? Ma se mi ha salutata perché adesso non mi invita a uscire?” Ci si sgranava il cervello a forza di arzigogolare su questi tormentoni da psicopatologia quotidiana. Ma adesso, perché? Perché mi devo arrovellare i neuroni su argomentazioni che nemmeno lo sceneggiatore del “Tempo delle Mele” ha avuto il coraggio spudorato di inserire nelle frasi, già cerebrolese, di Sophie Marceau? Ok, va bene, basta…ma, perfavore, cambiate cioccolatini…

Commenti su: "Silenzio" (33)

  1. non farmi commentare, non provocarmi così.
    certe frasi su fb sono di un ipocrita che mi salta la dentiera che non ho.

  2. non sono solo ipocrite, sono proprio inutili…di quelle che le leggi e dici “embè”?

  3. Sissy ha detto:

    e tu non arrovellarti piu’ di tanto…magari al mondo esiste qualcuno che per qualche strana ragione o per pura follia mentale usa facebook come strumento di evasione e regressione ai tempi del liceo e magari ne e’ pure felice…non sempre tutto e’ comprensibile per tutti…ne’ una frase, ne’ un’azione ,ne’ il motivo per cui tale frase o azione viene detta /fatta …

  4. E invece a me quella frase piace, e la ritengo vera.

    Sono contro le pretese della gente che i propri silenzi vengano interpretati, non siamo psicologi in servizio ventiquattr’ore al giorno, non abbiamo né il dono della telepatia né la sfera di cristallo, però è diverso il silenzio della persona che non ha niente da dire da quello dietro il quale c’è tutto un mondo che non riesce a venire fuori.

    E poi, lasciatemelo dire: ad affermare questo dopo quanto ci avete dato giù contro quella frase e chi l’ha postata, ho avuto un gran coraggio! 😛

  5. A prescindere da questa frase, trovo che FB sia spesso affollato da frasette senza senso e senza interesse che sembrano prese da un bacio Perugina oppure citazioni mal attribuite e mal citate. Tipicamente guardo, leggo, non scrivo nulla e mi scollego.
    Peccato, perchè qualcuno lo userebbe bene, ma viene inglobato e perso nella massa di stupidate (penso a certe persone che conosco che vi pubblicizzano le loro attività artistiche).
    Tanti auguri di buon anno!

  6. Sissy ha detto:

    Diemme said :
    “è diverso il silenzio della persona che non ha niente da dire da quello dietro il quale c’è tutto un mondo che non riesce a venire fuori.”

    e forse quella frase cela pure una richiesta di aiuto…chissa’…non siamo psicologi e’ vero ma nemmeno da flagellare per l’uso di un social network…

    e io personalmente amo le frasette dei baci perugina …ma a 16 anni posso permettermelo no? 😉

  7. e io mi rotolo dal ridere.
    prima di venirti a cercare su fb faccio però i complimenti a Sissy che 16 anni da quello che ha scritto non li dimostra!
    ecco.
    comunque… io ho pochi contatti. e in genere sono persone che conosco pure di persona (vedi nipote lui, nipote lei, cognata, zia, zio e una manciata di cugine/i, che magari non ti senti mai ma su fb c hanno da stare…) poi è da ridere perché ho ancora l amica/sorella, quella con cui non ci parliamo più ma non cancelli in contatto perché se no significa che… e mi viene l orticaria solo a pensarci. per dire… ad ogni modo, c è una di queste fanciulle che impazzisce per le “cartoline” quelle con ste frasi da “cascadentiera” per dirlo alla Sloggata, e a me viene sempre così tanta voglia di estirparla…

  8. theemeraldforest ha detto:

    Anche io avrei tante volte voluto urlare tutto ciò ai quattro venti, ovvero su facebook (che tanto è la stessa cosa) che quelle citazioni improbabili di chissà chi e su chissà cosa, indirizzate a chissà chi, modalità messaggio nella bottiglia, facevano cadere le braccia per terra… però insomma si rischia di perdere amicizie, anche se a volte la tentazione è troppo forte e il commento acidello ci scappa, bisogna vertere sull’ironico, sì, per forza! 😀

  9. @sissy: ho fatto solo un commento ironico, non era un attacco personale…so che spesso è difficile cogliere l’ironia – benevola -. altrui…ci si sente punti sul vivo e patapon scatta l’embolo dell’acidità…

  10. @diemme: beh, forse hai ragione…ci sarà pure tutto un mondo da scoprire…ma nelle persone che conosci poco!!!…in quelle che conosci da una vita, con cui ti sei divisa il pane, non hai bisogno di strategie del silenzio o di giustificare il silenzio…se stai zitta vuol dire che non hai nulla da dire o che, forse, in quel momento è meglio non dire niente…l’opzione non “dico nulla perchè non so da dove cominciare” mi appartiene solo quando conosco poco le persone e mi trovo in una situazione di disagio…

    • @emmecarla, io credo che a volte di parlare proprio non vada, magari proprio perché se ne hanno troppe di cose da dire, a volte anche imbarazzanti, anche nei confronti di persone che conosci da una vita.

      Io non sono una silenziosa, sono una che le canta chiare e tonde, eppure…eppure ci sono state delle volte in cui sarei scoppiata, e allora scattava un’autocensura persino indipendente da me. A volte il silenzio significa: “Ma che, c’è bisogno che te le dica?”.

      La metto giù dura, tanto per chiarire il concetto: un uomo ti violenta e poi, mentre si riallaccia i pantaloni e si sistema la camicia, ti chiede: “Ma perché piangi?”: che dici, c’è da rispondergli? O l’amica che ti frega il marito e ti chiede “Ma perché non mi parli più?”.

      Non so, forse sono uscita dal seminato.

      O forse no…

  11. @cinciamogia: beh, basta parlare di fb che tra l’altro è uno strumento che uso pochissimo…lo trovo divertente e raggelante al tempo stesso…dentro ci sono cose interessantissime e cose “da paura”….ma penso che valga la pena iscriversi…giusto per capire meglio l’evoluzione/involuzione… buon anno anche a te 😉

  12. @sys: e io oggi ho estirpato…proprio da fb…le persone che stanno “sedute in pizzo” proprio non le tollero…quelle che se fb avesse il tasto “non mi piace”, forse scriverebbero meno stronzate o non si sarebbero iscritte per niente…che vadano…;-)

    • io ti cercai ma non ti trovai… ecco…

    • e vaiiii che ci siamo avviate in versione giardiniera… 🙂 (nel senso che è il momento giusto di tagliare i rami secchi, non mi riferivo al barattolo con quelle verdure di plastica in salamoia eh.. ) okkeyyy… vado eh… vado…

  13. @theemeraldforest: BENVENUTA!!! Beh, c’hai ragione…bisogna andare di ironia…ma se neanche questa è sufficiente, se vedi che le persone non accettano nessun tipo di critica e ritengono di essere sempre nel giusto e nella saggezza, allora un bel colpo di clic su “cancella amici” diventa proprio inevitabile…

    • Dato che spesso sono parenti, o detto papale papale, conoscenti utili solo a metterti mi piace sulla pagina della tua attività per pubblicità 😀 Quindi non posso cancellarli… però se mi invadono di 20 post al minuto metto “nascondi aggiornamenti” e passa la paura! Grazie per il Benvenuta, quando ti/vi serve un consiglio cinematografico potete passare da me 🙂 siete le benvenute anche voi, un saluto a tutte!

  14. @diemme: sono d’accordo sul fatto che, a volte, parlare sia superfluo…ma certe persone si trincerano dietro il silenzio finge “colto” perchè non hanno più niente da dirti o perchè non gliene frega proprio nulla di parlare con te…a queste persone, ma solo a queste, dico basta…non mi servono, non sono a me vicine, congeniali, amiche…

  15. @theemeraldforest: io TI CERCAI, ma un messaggio criptico mi annunciò che chiudesti il blog…ora ci riprovo…e magari poi ti riscrivo senza il passato remoto…ogni tanto sorge spontaneo…sicula sono… P.S. che tipo di consigli cinematografici? mi piace…

    • @emmecarla: ciao emmecarla!! carina questa cosa delle pagine come tracce di comunicazioni sibilline indecifrabili… comunque il blog non è morto, è vivo solo che avevo cambiato nome! i consigli cinematografici sarebbero semplicemente da una che ci sta un po’ dentro e che ci perde parecchio tempo al posto vostro 😉 scherzo, eh! però almeno un paio di volte a settimana al cinema ci vado + i film che vedo a casa, quindi sono abbastanza informata se avete bisogno di un film da vedere (anche in base alle esigenze!) o di sapere com’è un film…. tutto qui: niente di sibillino 😀
      ah, dimenticavo se non dovessi essere ancora riuscita a decifrare le foglie della cumana eccolo qui:
      http://theemeraldforest.wordpress.com/
      kiss

  16. @emerald: ne approfitterò spudoratamente di questi tuoi consigli cinematografici. Ora ti faccio inorridire: sabato scorso ho visto “Immaturi – Il viaggio” e l’ho trovato carino. A parte alcune pacchianate, sono uscita soddisfatta e consapevole di aver visto una c….ata colossale ma pur sempre carina. Vado male, eh? Appena posso ti sbircio…

  17. @emerald: non costringermi a vedere un film sottotitolato in cirillico però…

    • Tranquilla, sono per il cinema popolare, però fatto un po’ anche con le mani, non solo con i piedi… conosco i miei polli… e non mi fido molto del suo modo di fare ammiccante. Tra un film tipo Immaturi e un film come Benvenuti al sud scelgo quest’ultimo, tutto qui. Ed è un film che ha sbancato il botteghino, quindi niente sottotitoli in cirillico nè corazzata potemkin 🙂 (tra l’altro adoro Fantozzi)

  18. @emerald: Visto e apprezzato Benvenuti al Sud (grande Angela Finocchiaro, la adoro!!!) Fantozzi no, sin da bambina mi ha messo sempre una tristezza infinita. Riesco a coglierne solo l’aspetto drammatico… Buona giornata!!! 🙂

    • Ahahahahah… sì in realtà anche io molte volte ho pena e lo guardo più come satira sociale che altro! Ho visto Immaturi 2, che era un po’ meglio rispetto al primo, ma credo sia ormai sulla strada del cinepanettone light: culi, tette, mogli tradite, gag su gag… hanno fatto bene ad ampliare la parte a ricky menphis e padre che sono quelli che fanno più ridere… Buona giornata anche a te!

  19. @emerald: vabbè, buono per staccare la spina. e sì, riccky menphis e padre sono due chicche imperdibili…se poi mi ricordi il nome del padre…ogni riferimento ad altro film, da me adorato, è puramente casuale… 😉

  20. @emerald: sì, hai ragione…ma è patetico anche il bacio in piazza, seduti sulle sedie e tutti intorno che applaudono, è patetica la ranieri quasi più inespressiva di bova, è patetica la scena di loro in carcere è l’anello che toh! spunta dal nulla… e tutte queste cose plateali che tutti sanno tutto di tutti…ce n’è roba mediocre, ma poi alla fine ti accorgi che non ti è dispiaciuto per niente…mistero…

    • Eh ma quelli so furboni… mica fanno le cose a caso come sembra, c’è tutta una logica dietro… sto per pubblicare l’articolo su Immaturi 2 vieni a leggerlo che fa ridere 🙂

  21. @emerald: pant pant, mo’ arrivo. ho gia letto la notifica sulla mia email di avvenuta pubblicazione di tuo post su immaturi 2. aspe’…devo chiudere la rivista prima…altrimenti devo passare il we a lavorare…pure…no, no e poi no…chiudo e poi passo… 😉

    • Tranquilla, Carla. Carla giusto? Tanto il post non scappa! Mi raccomando sostienimi… che già ho subito un paio di linciaggi perché faccio un sacco di provocazioni… 😀
      se puoi leggiti anche quello di Clint Eastwood, che è simpatico anche quello. Buon lavoro e a dopo!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: