Un confronto aperto sulle passioni, i sogni, le delusioni e le incazzature quotidiane

No stress, anzi sì

Non avete mai un attimo di tempo per voi? La vostra giornata è un continuo salto agli ostacoli che nemmeno tre blister di Supradyn riescono a caricarvi? La sera vi sentite sfatte e in uno stato ameboide irreversibile? Niente paura, va tutto bene. Siete stressate ma a quanto pare è tutta salute. Lo afferma candidamente un ex consigliere delle Casa Bianca, tale Todd Buchholz, che in un saggio, appena pubblicato, promuove a pieni voti la frenesia e la corsa contro il tempo. Stamattina, mentre ascoltavo la notizia su Rtl, Fulvio Giuliani sosteneva  che probabilmente la stesura di questa perla di saggezza si sarà svolta sotto il sole delle Bahamas. Da una comoda sdraio tutto appare più semplice, tutto abbordabile, tutto più easy. E già, tutto una piacevole passeggiata da affrontare col sorriso sulle labbra. E vai, da questo momento in poi mi considero una delle donne più fortunate del pianeta. Stasera, quando mi spalmerò sul letto tipo Mocio Vileda raggrinzito, sarò fiera di me stessa e super contenta. E la mattina, quando la sveglia inesorabile suonerà alle sei in punto, non maledirò l’intero universo ma penserò con una scarica di adrenalina incontrollabile che “stanchi è bello”. Quando arriverò in ufficio non abbaierò un buongiorno tra i denti ai miei malcapitati colleghi, ma li abbraccerò e li bacerò ben felice di sentirmi un bipede qualunque che deambula, in maniera incerta, fino alla macchinetta del caffè nella speranza che la centesima dose di caffeina mi dia la forza di non cadere nel baratro del vilipendio mandando a quel paese tutti i miei simili.  

Commenti su: "No stress, anzi sì" (2)

  1. Se i periodi di tensione sono limitati nel tempo e mirati al raggiugnimento di un obiettivo (un esame, un lavoro importante, un trasloco…) non mi dispiacciono. Anzi, li trovo stimolanti e, in genere, è in questi momenti che sono più concentrata.. Se invece diventano l’eterno leit motiv delle mie giornate…mi sa che c’è qualche cosa che non funziona e che è ora di tirare il freno… come dicono in USA “been there, done that”. E non ci ricasco più…

  2. carla ha detto:

    Sono d’accordo con te, se sono limitati nel tempo i periodi di “super tutto” possono sicuramente essere stimolanti. Ma quello che mi stressa di più sono le mille cose quotidiane. quelle che devi fare volente o nolente e che, raramente, sono soddisfacenti. Sarà che sono particolarmente stanca ma io per adesso non ho un’energia positiva. Tirare il freno? Ci proverò…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cloud dei tag

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: